Il valore del gioco d’azzardo planetario

Non c’è nulla da dire, i quattrini che “ruotano” attorno al mondo del gioco e dei casino online sono tanti, tantissimi: Global Betting and Gaming Consultants ha stilato la previsione per il settore del gioco globale di 464 miliardi di dollari per il 2016 che, al cambio monetario attuale, sono 426.803.904 euro. Queste sono cifre di gioco reale e non cifre di gioco nei casino online gratis. Queste sono le cifre che rappresentano le industrie del gioco che si intratterranno ad Excel Londra nel prossimo febbraio per l’evento di Ice Totally Gaming, dove verranno presentati i nuovi prodotti del settore e le innovazioni tecnologiche. In realtà, gli incassi lordi (perché di cifre lorde si sta parlando) per il 2015 sono scesi e questa “negatività” è da attribuire alla Cina. I casinò di Macao hanno avuto di anno in anno un calo sensibile ed il 2015 è stato forse quello peggiore per il gioco e per le lotterie cinesi.

D’altra parte, questo inizio d’anno è stato caratterizzato dall’economia cinese e dai loro casino online dal vivo, veramente preoccupante, che ha fatto diffondere parecchio nervosismo e che ha influenzato i mercati azionari di tutto il Mondo. Ma c’è, in ogni caso, per il gioco ottimismo e l’Ice di Londra sarà il momento in cui questo ottimismo si paleserà con la presentazione delle innovazioni sui prodotti. Gli europei di calcio di questa estate fanno ben sperare per il comparto delle scommesse sportive, mentre il Brasile sta aspettando una regolamentazione ad ampio respiro. Anche in Africa continua lo sviluppo delle scommesse sportive,mentre in Olanda, Germania e Portogallo è in corso il completamento dei processi di regolamentazione dell’e-gaming, mentre in Italia è partito il nuovo regime fiscale.

Approfondisci

Mike Tyson nel casino online di betfred

La collaborazione tra i prodotti di gioco “Mike Tyson” ed Ispired unisce il mito della boxe, con tutte le sue incongruenze e tutte le sue negatività, con la professionalità e l’innovazione che Ispired si è guadagnato in anni di presenza sul mercato fornendo sport virtuali, giochi dei casino online mobile e videolotterie Sbg. Questa collaborazione, quindi, è destinata ad avere un successo strepitoso tramite Betfred che è uno dei principali bookmaker nel Regno unito. Inspired è il suo fornitore esclusivo di macchine da gioco Vlt, tecnologia ed altro e Belfred sta anche offrendo gli sport virtuali di Inspired attraverso la vendita al dettaglio ed online dal 2001, quindi un bel po’ di anni, e nel 2013 ha lanciato anche sul mobile gli sport virtuali di Inspired.

Il pacchetto “Tyson” presente in questo casino online legale AAMS comprende il nuovo gioco “Virtual Rush Boxing” di Inspired per il dettaglio e per l’online “Iron Mike” che sarà lanciato nel 2016. Inspired fornirà a Betfred anche le sue nuove slot multi canale marcate “Tyson” e contenuti di gioco da tavolo. Come si diceva qualche rigo più sopra, la collaborazione tra Tyson, che per il mondo della boxe è stato un mito duro ed irraggiungibile, ed Inspired rappresentano forza, nervosismo, divertimento assoluto. Certamente questi saranno prodotti graditi ed invitanti per i giocatori oltre che ad essere innovativi in assoluto e li trascineranno in quel mondo così particolare che “Tyson” ci ha fatto conoscere, apprezzare ed a volte anche mettere in discussione. Questi prodotti sul mercato saranno una “vera” novità ed affascineranno completamente coloro che li vorranno conoscere.

Approfondisci

Stanleybet pronto ad offrire nuovi giochi d’azzardo

StanleyBet, che non ha certamente bisogno di presentazione in quanto uno dei primi concessionari per il gioco d’azzardo e anche un divertente casino online legale italiano, vuole far sentire forte la sua voce. E vuole che arrivi chiara e potente sia al Ministro dell’Economia e delle Finanze che ad ADM: il gioco del lotto interessa, ma StanleyBet desidera un cambiamento da un sistema mono providing a quello multi providing e questo poiché ha perplessità e profonda preoccupazione in merito “alla prossima procedura concorsuale”. La stessa StanleyBet non comprende le motivazioni per le quali il gioco del Lotto dovrebbe sempre essere regolamentato in modo differente rispetto ad altri prodotti di scommessa. L’iter dell’Amministrazione va in direzione opposta all’obbiettivo di realizzare un regime “di libera concorrenza tra gli operatori sia nazionali che dell’Unione”. Le perplessità, poi, di Stanleybet si fanno ancora più forti quando sa che sono ampiamente ed apertamente condivise anche dal Consiglio di Stato.

Anche detto Consiglio di Stato, asserisce che in futuro vi dovranno essere, nelle gare ad addivenire, ulteriori requisiti particolarmente eccessivi relativamente alla previsione di una base d’asta e di volumi di fatturato ed anche requisiti di capacità tecnica, come offrire la roulette gratis, estremamente difficili e da considerare al di là ed al di fuori delle necessità operative ed organizzative e, quindi, ostative ad un ottenimento positivo di qualsivoglia autorizzazione. Quindi, anche sotto questo profilo, Stanleybet troverebbe che si concretizzi una barriera insormontabile all’ingresso nel mercato per l’attribuzione della concessione ed, automaticamente, si creerebbe una assoluta restrizione alle libertà di prestazione dei servizi degli eventuali possibili candidati. Tutto questo intralcerebbe ogni buona intenzione e qualsiasi iniziativa di impresa… sempre secondo Stanleybet ovviamente.

Approfondisci

Molte polemiche sulle pubblicità al gioco d’azzardo

Secondo il Movimento 5 Stelle l’intervento della nuova Legge di Stabilità 2016 relativo alla pubblicità sul gioco d’azzardo e sui casino online aams è stato un “compromesso vergognoso”. Nel riordino dell’intero settore del gioco che avrebbe dovuto già esserci da mesi e mesi si è arrivati ad uno “striminzito” intervento sul divieto della pubblicità che, secondo il M5S con avrà nessun effetto nel mettere al riparo i giovani da pubblicità continue e mirate che possono coinvolgere le menti dei ragazzi. In realtà, per mesi e mesi, il Movimento aveva chiesto una misura semplice: l’abolizione totale della pubblicità del gioco d’azzardo puntando decisamente sul “proibizionismo”. Questo atteggiamento era del partito ed anche di tante associazioni che, da quanto il gioco d’azzardo è diventato un “problema” sul territorio operano per la tutela dei giovani e per instradarli verso gli impegni sociali, nello studio, nel lavoro e non certamente verso il gioco.

Sempre secondo il Movimento, il nostro Esecutivo si era dichiarato d’accordo, in prima analisi, sull’abolizione della pubblicità ai siti presenti nella lista dei migliori casino online aams italiani, ma poi ha “messo sul piatto” un compromesso veramente “impalpabile”: in più bisognerà anche attendere i risultati di quella “famosa Conferenza Stato-Regioni” dalla quale dipenderanno, oltre che la pubblicità anche i poteri dei Sindaci relativamente agli interventi che potranno o non potranno fare per limitare sui relativi territori, l’espansione del gioco d’azzardo. Senza dimenticare la pubblicità del gioco online, settore in massima evoluzione, che entra nei telefonini sempre accesi dei ragazzi che per vari motivi sono sempre in rete, telefonini che sono uno strumento all’avanguardia, ma che possono anche portare… guai!

Approfondisci

32red Casino Online ti porta a Las Vegas

Che ne direste di iniziare il nuovo anno “alla grande” in uno dei migliori casino con una bella e straordinaria vacanza a Las Vegas? Città accattivante, “città del peccato”, del gioco d’azzardo sfrenato ovunque: un viaggio che include sei notti ed un volo in elicottero per ammirare dall’alto le bellezze del Gran Canyon Tutto ciò potrebbe essere realizzabile se entro il 31 gennaio prossimo si scalerà la classifica dai giocatori iscritti su 32Red Casinò accogliendo questa splendida iniziativa e le sue istruzioni ben dettagliate che vanno attentamente lette e rigorosamente seguite. Il premio, dato da 32red casinò che risulta essere uno dei primi siti nella lista dei casino online aams, sarà assegnato a quel giocatore che arriverà primo nella classifica finale: basterà effettuare la registrazione ed iniziare a scommettere sui titoli preferiti di slot o table games ed incamerare i “rubini rossi” che, per chi non lo sapesse, sono i punti fedeltà di 32Red casinò.

Si vuole elencare cosa comprende questo premio-viaggio per far venire ulteriormente l’aquilina in bocca ai vari utenti… che magari non credono:

  • volo in aereo a/r per Las Vegas, per due persone, in classe economica
  • pernottamento per sei notti in un hotel a cinque stelle
  • volo in elicottero su Gran Canyon ed un pic-nic, champagne incluso
  • voucher dal valore di 2mila euro da spendere

Ma chi non arriverà primo? Potrà “consolarsi” dividendosi per quote differenti il montepremi complessivo di 10mila euro che verrà erogato come bonus: basta che ci si classifichi entro le prime cento posizioni. Al secondo classificato “solo” un premio del valore di 1500 euro. Sembra abbastanza interessante per andare a curiosare su 32Red Casinò?

Approfondisci

Il futuro del gioco d’azzardo sarà industriale

Sembra veramente strano usare “industriale”, come termine riferito al mondo del gioco d’azzardo ed al settore dei casino online con bonus: ma, questo sarà il futuro del gioco partendo da un “presente” che di industriale ha veramente ben poco. Ciò che “non è industriale” è indubbiamente fare eccessive concessioni in termini di aggio agli esercenti od offrire cifre enormi a fondo perduto ad un bar che non genererà mai ricavi lordi proporzionati nell’arco del rapporto, così come “non è industriale” guardare al gestore solo come ad una semplice rete distributiva da assorbire e da sottrargli al primo momento di difficoltà, dopo che si sono magari raggiunti numeri considerevoli. Se il futuro del gioco dovrà, quindi, essere industriale allora si dovrà impostare la “vita del gioco” su altre basi, sopratutto sulla stretta sinergia tra chi è concessionario e chi consente al concessionario di mettere in essere la convenzione.

Detto questo bisognerà coniugare professionalità, competenze ed esperienze affidandosi a strumenti innovativi ed efficienti e questo sarà un percorso imprescindibile. Non bisognerà sopratutto abbassare “la professionalità” perché questa sarebbe una strada senza ritorno e perché sarebbe estremamente umiliante oltre che non permettere di arrivare agli obbiettivi che una “industria” dovrebbe raggiungere. Le sinergie nella filiera dei casino online migliori in italia porteranno ad una alta affidabilità e formeranno un modello imprenditoriale attivo dentro un mercato libero e dinamico, ma sopratutto faranno raggiungere una maggiore autorevolezza sul piano economico e sociale e questo non si potrà realizzare senza precise e dettagliate garanzie contrattuali: insomma, bisognerà rispettare “l’abc industriale” che dovrebbe caratterizzare un servizio pubblico lecito che dovrebbe essere anche riabilitato socialmente.

Approfondisci

Avanti tutta contro il gioco d’azzardo illegale

Con l’indagine “The Imitation Game” si sono acquisite ulteriori certezze che il settore online del gioco d’azzardo e quello dei casino online certificati AAMS è quella parte di gioco che può essere più soggetto all’illegalità, dato che è difficile da controllare e complicato risalire ai vari server stranieri dai quali partono i maggiori “guai” per il gioco lecito. Le infiltrazioni criminali, oltre che nelle sale da gioco terrestri, si sono “impossessate” in parte del comparto online così vissuto da tanti giocatori e così a portata di mano anche di giovani e giovanissimi che, per periodo storico e per abitudine, si trovano in rete la maggior parte della loro giornata. Così, il “campo di gioco” è immenso ed a chiunque può essere sottoposto un gioco illecito, ma attraente e coinvolgente.. e ci cade! Ma questo sarebbe il meno… si fa per dire: il peggio è quanto malaffare si nasconde dietro i siti non autorizzati.

Il Presidente della Commissione Antimafia, Rosy Bindi, si è ovviamente congratulata per i risultati dell’indagine Imitation Game, anche rivolta a contrastare il fenomeno di guardare gratis la televisione online, che ha permesso di smantellare un’importante rete illegale di gioco e di scommesse online e nello stesso tempo ha reso pubblica una sua riflessione circa la capacità imprenditoriale di un’organizzazione che accomunava camorra e ‘drangheta ed era in grado di controllare dall’estero il gioco illegale che si sviluppava su buona parte del nostro territorio. L’obbiettivo, quindi, dell’Esecutivo dovrebbe essere quello di rafforzare la vigilanza su questo specifico settore e non certamente quello di “organizzare” una corsa alla creazione di nuove slot che forse incrementerebbero il gioco, piuttosto che delimitarlo.

Approfondisci

Malta e l’industria del gioco d’azzardo

La nazione più rappresentata ad Ice di Londra, che si occupa di tutti i migliori casino online legali, sarà Malta, capitale europea dei Casinò online e che da poco ne conta anche uno terrestre, proprio nuovo di zecca! Infatti, l’isola di Malta è in cima alla classifica degli espositori di Ice International con ben 34 espositori, seguita dagli Stati Uniti con 23, dall’Italia con 18, dalla Germania con 13, dalla Spagna con 11, poi da Austria, Gibilterra e Slovenia con 9, ed infine Cipro, Repubblica Ceca e Paesi Bassi con 8 ciascuno. Ogni anno che passa, questa esposizione si rivela sempre più interessante, internazionale ed indispensabile per gli espositori di gioco business-to-business e saranno rappresentate in totale 62 nazioni, cifre che “non hanno pari”. Oltre a queste presentazioni innovative, si potrà anche discutere con gli stessi “innovatori” e soddisfare le richieste e le curiosità che gli amanti del gioco sicuramente hanno e che avranno piacere di “risolvere” con gli ideatori e produttori dei loro giochi preferiti.

Sarà interessante e piacevole avere un quadro internazionale del gioco e dei giochi gratis del casino, e non solo avere conoscenza degli sviluppi innovativi relativi alla propria nazione di appartenenza, e questo senza ombra di dubbio rappresenta e spiega il motivo di tutto questo grande successo e di tanto richiamo da parte di un numero così considerevole di aziende. Certamente, vedere riuniti “sotto lo stesso tetto” imprese e professionisti dell’industria del gioco è un’occasione irrinunciabile e questo fa di Ice una sorta di “isola felice” dove nascono e crescono contatti ed idee che costelleranno il futuro di questo settore sempre più all’avanguardia.

Approfondisci

I meriti del casinò di Campione d’Italia

Le nuove dirigenze entrate nelle case da gioco tricolore e nei casino legali AAMS online hanno portato novità, innovazione, strategie, marketing e quant’altro possa aver “avvicinato” le “vecchie strutture” ad idee più nuove del gioco da casinò. Ormai, non esiste più il retaggio di essere un “gioco di elite, ma il casnò si sta avvicinando ad un pubblico diverso, più giovane anche se meno ricco, ma portato oltre che ai “tradizionali” giochi da tavolo, anche alle slot machine, le “famigerate macchinette” che tanto hanno contribuito alla “lievitazione” degli incassi. Però, prima di parlare dei risultati del Casinò di Campione, si dovrebbe fare un plauso a tutte e quattro le strutture che hanno saputo uscire con solerzia, dovizia e novità dalla situazione un poco “tremolante” in cui stazionavano.

La casa da gioco d’azzardo di Campione dall’anno appena concluso è divenuta leader del mercato anche se la stampa per motivi oscuri sembra non voglia attribuirgli questo “prestigio”. Poi bisogna tenere presente che ingressi superiori ai Casinò non significa espressamente bilancio positivo dato che le case da gioco devono corrispondere all’Ente che gestisce, importi che sono “importanti” e che portano… il bilancio in sofferenza. Anche questo tema andrà portato al Consiglio dei Ministri dato che si prevedono sanzioni a quelle strutture che avranno appunto il bilancio in negativo. Senza sottovalutare che il Casinò di Campione d’Italia soggiace ad un problema complicatissimo per il rapporto euro franco: l’ultimo bilancio in perdita sarebbe stato in utile solo con una microscopica variazione -solo di quale decimo di unità- nel cambio. Quindi, merito per l’innovazione, demeriti… nessuno!

Approfondisci

I nuovi scenari del settore del gioco d’azzardo

Da qualsiasi “angolatura” la si guardi la nuova Legge di Stabilità, per quanto riguarda il gioco, ci sarebbe da mettersi le mani nei capelli dato che, conti alla mano, la filiera ne esce perdente e si avvicina, paurosamente, ad un baratro nel quale inevitabilmente cadrà se non succederà “qualcosa” che possa salvarla… ma non si riesce ancora a percepire cosa. Certamente, l’argomento del Preu e del pay out nei casino online è un’emergenza e quando è stata “studiata” questa norma probabilmente, non si è tenuto conto di alcune cose ben precise: i tempi. La filiera si troverà prima di tutto a stare qualche mese senza introiti dato che le apparecchiature andranno aggiornate. Sembra veramente che il Legislatore invece che migliorare “la vita” del gioco… la voglia complicare ad oltranza.

Lo scenario che la nuova Stabilità vuole rappresentare sarà assolutamente diverso da quello che siamo abituati a vedere: tra un anno o due potrebbe non esserci più il congegno Awp, almeno per come lo conosciamo oggi, potrebbero non esserci più i gestori, per come sono oggi, potrebbero non esserci più i bar per la raccolta del gioco tramite le Awp, per come li conosciamo oggi. Qualsiasi saranno i risultati dell’applicazione delle nuove norme in merito ad i migliori siti legali di casino online, lasciano intravedere uno scenario “apocalittico” di estrema rivoluzione “fisica” del settore, ma i risultati economici? Ormai, la riduzione degli apparecchi è sancita così come è già sancita la minore dinamicità del mercato da parte delle imprese che acquistano Awp per poi gestirle: i vari punti vendita… man mano spariranno, ma silenziosamente… quasi di morte naturale.

Approfondisci

I sindaci italiani ed il gioco d’azzardo online

Nel mondo del gioco d’azzardo ed in quello dei casino online italiani legali AAMS migliori, purtroppo, ognuno guarda il “proprio orticello” e non guarda quello del “vicino”: così ci troviamo lo Stato che guarda agli introiti, la filiera che ovviamente guarda agli incassi e mette sul mercato più prodotti e varianti possibili, i produttori di giochi che innovano continuamente le proposte, i cittadini che rincorrono le novità ed affinano sempre più le proprie richieste… e poi i Sindaci che si trovano a lottare con tutto ciò che il mondo-gioco comporta. I Sindaci che si trovano a dover “limitare” il gioco legale, ma che ancora non sanno quanti sono coloro che offrono il gioco abusivamente: non si vogliono aumentare le concessioni, ma non si tiene conto dei luoghi non autorizzati.

E poi che dire di quei Sindaci che si occupano di “zone difficili” come la Campania e la Calabria dove per effettuare i rilevamenti Siae bisognerebbe essere accompagnati da funzionari di polizia altrimenti gli incaricati vengono intimiditi ed impossibilitati a svolgere il loro lavoro? Prima di tanti proclami, forse, bisognerebbe avere risposte su questo: non si può permettere ad alcune Regioni di avere così tanto gioco abusivo, pochi casino online aams e “personaggi” che fanno esattamente quello che vogliono. Il rapporto con il gioco è anche questo: vivere con l’illegalità difficile da contrastare e con la legalità difficile da gestire anche se può stare a cuore che abbia il suo posto nel sociale, seppur con le sue incongruenze di disagi da un lato, ma di impiego di risorse dall’altro. È difficile questo rapporto, molto difficile.

Approfondisci

Il gioco d’azzardo della slot machine

Non c’è più niente da fare… le slot machine sono invise a quasi tutte le città che si stanno adoperando per emanare provvedimenti e regolamenti per limitarne la distribuzione e la diffusione. Non è certamente una situazione “catastrofica”, ma la realtà è che il mondo-gioco deve affrontare questa battaglia: in più sul tavolo dei consigli locali in Sardegna, Toscana, Lombardia e Veneto sono previsti aumenti della tassa dei rifiuti per i locali con le slot e restrizioni sugli orari di apertura delle sale.

In realtà ad Alghero, il Consiglio Comunale si è espresso per la creazione di una rete di prevenzione e contrasto al Gap e si lavorerà nelle prossime settimane per un documento comune “anti-Gap”, fortemente voluto da tutte le forze politiche. In Toscana si esamineranno alcune misure relative alla Tari che prevederanno una maggiorazione della tassa sui rifiuti per gli esercenti che hanno installato le slot nel proprio locale: aumento previsto tra il 20 ed il 50%, a seconda che si tratti di una sala giochi, oppure di un esercizio pubblico. Nel Comune di San Fermo della Battaglia, Como, si prevede un aumento, sempre della tassa sui rifiuti per i bar con le slot machine, del 42% a fronte del taglio sulle utenze domestiche tra il 12 ed il 23%. In Veneto, per finire, si prevede con urgenza una regolamentazione più stretta per i giochi, limitazione degli orari per le sale da gioco, incentivi fiscali per i locali “no slot” ed una campagna di sensibilizzazione sulle conseguenze sempre del Gap.

Approfondisci

Gli anni bui del gioco d’azzardo

Tre elementi hanno contribuito a far percorrere al mondo del gioco d’azzardo un periodo assai buio dal quale si deve rialzare per poter sopravvivere: crisi, appiattimento e presunzione. Solo dalla loro attenta analisi si potranno costruire tante “molle” dalle quali far ripartire “la ruota del gioco” che ha quasi terminato di “girare”. La crisi: ha messo in ginocchio tanti imprenditori in tutti i settori anche quello del gioco e del divertimento. Si “vociferava” che la crisi spingesse la gente al gioco… ed era vero: la crisi e l’inflazione hanno favorito incassi e sale da gioco piene, aumenti notevoli di giocate per totocalcio e lotto. Ora, la fetta di mercato si è allargata e l’attività dei casinò non è più monopolistica come un tempo e deve subire la concorrenza di slot e di Vlt.

Parliamo ora dell’appiattimento dei casinò: sono “andati avanti” a pensare seguendo l’onda del loro monopolio, si sono “seduti” sul fatto che “bastasse aprire la porta della casa da gioco” e la gente sarebbe entrata “in quantità”, senza tenere conto che stava iniziando un processo di trasformazione e l’online ha poi dato “il colpo di grazia”. La presunzione ha fatto il resto: coloro che avevano l’obbiettivo di risollevare le sorti delle case da gioco “tricolori”, hanno dovuto fare i conti con una realtà più dura del previsto. Crisi, appiattimento e presunzione hanno creato una miscela esplosiva per le case da gioco, e tutti gli “addetti” sono chiamati a fare la propria parte e dare una prova profonda di umiltà, preparazione, lungimiranza e serietà.

Approfondisci

Il gioco d’azzardo arriva in europa

Bisognerebbe fare un “punto fermo” ed equiparare le problematiche che possono derivare dal gioco d’azzardo patologico agli altri problemi derivanti alla salute pubblica dal fumo e dall’obesità: questo sarebbe un primo ed importante passo in avanti che avrebbe come scopo porre l’attenzione anche dell’Unione Europea sul gioco d’azzardo, le sue problematiche sociali e dare la priorità per le soluzioni alle persone rispetto alle esigenze finanziarie del mercato unico. La protezione delle persone fragili, e più facilmente “condizionabili”, deve assolutamente portare il Parlamento Europeo ad elaborare linee guida nell’ambito del gioco d’azzardo come è stato fatto per altri settori importanti per la salute pubblica.

Il mondo-gioco, ed i suoi problemi, non possono rimanere un “nostro problema italiano”, ma devono diventare obbiettivi per l’Europa che si deve impegnare con tutte le sue forze ad affrontarli, trovare soluzioni e farle diventare “comunitarie”. Occorre, come si è già detto, una normativa armonizzata a livello europeo dato che esiste la libera circolazione dei cittadini in Europa il problema del gioco d’azzardo è “e deve diventare un problema europeo”. Un cittadino europeo viene in Italia per lavoro, per turismo o per studio e si imbatte nei giochi proposti dalle slot machine e, se sviluppa una patologia conseguente, i relativi costi non possono ricadere sul sistema sanitario solo del suo Paese d’origine… non sembra assolutamente giusto: ecco cosa dovrebbe significare Unione Europea. Quando questo “meccanismo” diverrà reale ed operativo si potrà dire che esista veramente un’Europa Unita… non prima e non senza farci propri i problemi di ogni Stato membro.

Approfondisci

I casinò con nuove filiali

In questo ultimo periodo si parla spesso di casinò, dei loro problemi, della loro “staticità”, della loro poca innovazione: sono tutti elementi che fanno discutere e che “stimolano” a prendere iniziative e decisioni per… non fare morire questo comparto del gioco d’azzardo che ha sempre dato “lustro” al nostro territorio e richiamato presenze straniere. Poco in realtà si fa, o si può fare, perchè forse ci sono “poche idee ed oltretutto confuse”. Si può parlare del Casinò di Venezia, forse quello più “antico”, che sta perdendo il “suo fascino” proprio perchè non riesce ad innovarsi ed a proporre ai propri giocatori quelle novità che ormai sono presenti in internet e che stanno, quindi, dando battaglia alle case da gioco. Bisogna obbiettivamente pensare qualcosa per innovare e si può tranquillamente prendere spunto dalle realtà estere dove poco esiste il concetto di casinò municipale ma vi è “forte” la presenza dello stato, sia in forma parziale ma anche totale.

Questo genera grosse economie che possono mettere in campo strategie industriali e di marketing: lo spunto lo si può attingere dall’Austria, dall’Olanda o dalla Slovenia. Il percorso di innovazione è difficile, lungo e periglioso ma di interesse anche per il Governo centrale al punto che se ne vorrebbe occupare e lo dimostrerebbe anche un nuovo disegno di legge presentato in Senato che consentirebbe l’apertura di nuovi Casinò, per esempio come ha richiesto Taormina e San Pellegrino Terme: nuovi spunti di discussione, quindi, per la categoria e lo Stato che sembra si voglia riappropriare di questo comparto….

Approfondisci