I nuovi scenari del settore del gioco d’azzardo

Da qualsiasi “angolatura” la si guardi la nuova Legge di Stabilità, per quanto riguarda il gioco, ci sarebbe da mettersi le mani nei capelli dato che, conti alla mano, la filiera ne esce perdente e si avvicina, paurosamente, ad un baratro nel quale inevitabilmente cadrà se non succederà “qualcosa” che possa salvarla… ma non si riesce ancora a percepire cosa. Certamente, l’argomento del Preu e del pay out nei casino online è un’emergenza e quando è stata “studiata” questa norma probabilmente, non si è tenuto conto di alcune cose ben precise: i tempi. La filiera si troverà prima di tutto a stare qualche mese senza introiti dato che le apparecchiature andranno aggiornate. Sembra veramente che il Legislatore invece che migliorare “la vita” del gioco… la voglia complicare ad oltranza.

Lo scenario che la nuova Stabilità vuole rappresentare sarà assolutamente diverso da quello che siamo abituati a vedere: tra un anno o due potrebbe non esserci più il congegno Awp, almeno per come lo conosciamo oggi, potrebbero non esserci più i gestori, per come sono oggi, potrebbero non esserci più i bar per la raccolta del gioco tramite le Awp, per come li conosciamo oggi. Qualsiasi saranno i risultati dell’applicazione delle nuove norme in merito ad i migliori siti legali di casino online, lasciano intravedere uno scenario “apocalittico” di estrema rivoluzione “fisica” del settore, ma i risultati economici? Ormai, la riduzione degli apparecchi è sancita così come è già sancita la minore dinamicità del mercato da parte delle imprese che acquistano Awp per poi gestirle: i vari punti vendita… man mano spariranno, ma silenziosamente… quasi di morte naturale.