Molte polemiche sulle pubblicità al gioco d’azzardo

Secondo il Movimento 5 Stelle l’intervento della nuova Legge di Stabilità 2016 relativo alla pubblicità sul gioco d’azzardo e sui casino online aams è stato un “compromesso vergognoso”. Nel riordino dell’intero settore del gioco che avrebbe dovuto già esserci da mesi e mesi si è arrivati ad uno “striminzito” intervento sul divieto della pubblicità che, secondo il M5S con avrà nessun effetto nel mettere al riparo i giovani da pubblicità continue e mirate che possono coinvolgere le menti dei ragazzi. In realtà, per mesi e mesi, il Movimento aveva chiesto una misura semplice: l’abolizione totale della pubblicità del gioco d’azzardo puntando decisamente sul “proibizionismo”. Questo atteggiamento era del partito ed anche di tante associazioni che, da quanto il gioco d’azzardo è diventato un “problema” sul territorio operano per la tutela dei giovani e per instradarli verso gli impegni sociali, nello studio, nel lavoro e non certamente verso il gioco.

Sempre secondo il Movimento, il nostro Esecutivo si era dichiarato d’accordo, in prima analisi, sull’abolizione della pubblicità ai siti presenti nella lista dei migliori casino online aams italiani, ma poi ha “messo sul piatto” un compromesso veramente “impalpabile”: in più bisognerà anche attendere i risultati di quella “famosa Conferenza Stato-Regioni” dalla quale dipenderanno, oltre che la pubblicità anche i poteri dei Sindaci relativamente agli interventi che potranno o non potranno fare per limitare sui relativi territori, l’espansione del gioco d’azzardo. Senza dimenticare la pubblicità del gioco online, settore in massima evoluzione, che entra nei telefonini sempre accesi dei ragazzi che per vari motivi sono sempre in rete, telefonini che sono uno strumento all’avanguardia, ma che possono anche portare… guai!